Le origini

 

Un’antica pietra datata 1528 testimonia la presenza in loco della famiglia Salatin.

L’attuale attività è nata nel secondo dopoguerra ad opera dei Fratelli Cav. Antonio ed Ercole, in luoghi già scelti dai Dogi dell’Antica Repubblica della Serenissima per i loro soggiorni autunnali, ammaliati dalle vivaci tinte e dai morbidi profumi che da sempre regalano queste splendide colline.

 

Valori e filosofia

 

Tradizione e innovazione, tecnologia ed eco-sostenibilità.
Ecco i valori in cui crediamo.

Una tradizione da perpetuare generazione dopo generazione con rispetto e umiltà; integrando ogni innovazione in un tessuto di saper fare antico per migliorare senza nulla stravolgere.

L’azienda alla sua terza generazione è condotta con scrupolosa attenzione nell’arte della vinificazione, con cura nei minimi dettagli, rispetto per la coltura della vite: passione e dedizione assolute.

 

Il territorio

 

L’azienda con i suoi 44 ettari sorge in una zona collinare vocata alla viticoltura già dal XV° secolo. L’unicità della nostra posizione al limite orientale della DOCG Conegliano Valdobbiadene ci permette di aprirci a ulteriori siti enoici di alta qualità e tradizione come le Grave del Friuli e la zona della DOC Venezia.

Promuoviamo la biodiversità con 21 ettari di cloni autoctoni di cui 4 ettari rari come Verdiso e Boschera.

 

Eco-sostenibilità

 

La nostra attenzione all’ambiente parte dalla gestione attenta dei vigneti e delle colture.

Seguiamo scrupolosamente il protocollo condiviso dalla DOCG Conegliano Valdobbiadene per un agricoltura sostenibile e rispettosa del territorio.

Nel tetto della cantina abbiamo posizionato 100 KW di pannelli fotovoltaici con una produzione annua che varia dai 100.000 ai 120.000 KW prodotti, con un conseguente risparmio per l’ambiente di circa 65 tonnellate di CO2.

Il nostro progetto prevede in un futuro prossimo il recupero di vinacce e tralci di potatura per la produzione di energia pulita da biomassa.