Il bicchiere giusto per ogni vino

Se vuoi degustare al meglio le qualità organolettiche e i profumi di ogni vino (spumanti, frizzanti, rossi e bianchi) devi avere il bicchiere giusto!

Ogni bicchiere infatti, grazie alla sua forma, è in grado di esaltare le note aromatiche, le caratteristiche visive e olfattive di un vino.

Bicchieri di vino di Laura Cattaneo

L’illustrazioni è di Laura Cattaneo, uscita ne “IL”, mensile di Idee e Lifestyle de Il Sole 24 Ore.

Flûte, baloon, tulipano e gli altri bicchieri per il vino

Bicchieri di vino

Per gli spumanti “metodo Classico” il bicchiere ideale è il flûte, a forma allungata per valorizzare non solo le bollicine ma anche gli aromi.
Il bicchiere con lo stelo è adatto anche ai vini frizzanti, al Prosecco e ai vini spumantizzati con “Metodo Charmat”, ma per questi deve avere una coppa un po’ più ampia per sprigionare al meglio i sentori della frutta.
I rossi giovani hanno bisogno di un bicchiere con una coppa aperta per esaltare i profumi mentre quelli più importanti, come il DOCG Colli di Conegliano rosso Riserva “Le Conche” e l’IGT Rosso del Veneto Piai della Vigna, necessitano di “balloon” (bicchiere dall’aspetto arrotondato che ossigena in modo perfetto il vino, e in questo modo ne esalterà tutti gli aromi).
Il torchiato di Fregona e la grappa di torchiato per essere degustati al meglio hanno bisogno invece di un “tulipano”, un calice dalla coppa piccola che si restringe verso l’alto.

Le caratteristiche del bicchiere per il vino

Il bicchiere impiegato per la degustazione del vino deve:
• essere di vetro sottile o cristallo – per essere maneggevole e per far emergere al meglio il sapore del vino
• essere trasparente – per mostrare correttamente il colore del vino
• avere lo stelo – per poter essere ruotato in fase di degustazione, deve avere una lunghezza tale da non permettere alle dita di toccare il vino e quindi di riscaldarlo
• il piede del bicchiere (la parte che regge lo stelo) deve essere proporzionato